L'Australia rifiuta la visita in carcere della Missione delle Nazioni Unite per la prevenzione della tortura

L'Australia rifiuta la visita penitenziaria della missione delle Nazioni Unite contro la tortura
L'Australia rifiuta la visita in carcere della Missione delle Nazioni Unite per la prevenzione della tortura

Secondo la notizia sul sito web delle Nazioni Unite del 23 ottobre, la visita della delegazione delle Nazioni Unite per la prevenzione della tortura in Australia è stata interrotta per mancanza di cooperazione. Mentre la delegazione delle Nazioni Unite ha chiesto di visitare le carceri in diversi luoghi, incluso lo stato del New South Wales, i politici australiani hanno rifiutato la visita per motivi di sovranità nazionale.

Il governatore dello stato più grande dell'Australia, il New South Wales, Dominic Perrottet, ha difeso il rigetto della richiesta di visita della sottocommissione delle Nazioni Unite per la prevenzione della tortura, mentre il livello di gestione nelle carceri indigene è alto e l'Australia è un paese sovrano.

La sottocommissione delle Nazioni Unite per la prevenzione della tortura, in una dichiarazione di domenica, ha sottolineato che la sua visita al centro di detenzione domestica del New South Wales è stata bloccata, il che ha violato gli obblighi del protocollo opzionale sulla prevenzione della tortura.

Alla delegazione delle Nazioni Unite è stato inoltre vietato di visitare le carceri nello stato del Queensland ed è stata costretta a sospendere la sua visita, che doveva durare fino al 27 ottobre, il 23 ottobre.

La delegazione ha dichiarato di non poter raggiungere le informazioni ei documenti desiderati e che l'Australia non ha adempiuto ai propri obblighi.

Secondo il protocollo facoltativo sulla prevenzione della tortura di cui l'Australia è parte, la sottocommissione delle Nazioni Unite per la prevenzione della tortura ha l'autorità di visitare le carceri, le sedi di polizia ei centri di detenzione senza informare ciascuna delle parti.

Un'agenzia di ricerca affiliata al governo australiano ha pubblicato due rapporti all'inizio di quest'anno, affermando che il razzismo e la discriminazione da parte della polizia nel rispetto della legge sono alla base dell'alto tasso di incarcerazione delle popolazioni indigene nel paese.

È noto che la percentuale di indigeni, che costituiscono il 3,3 per cento dell'Australia, tra i detenuti è del 29 per cento. Questa cifra sale all'84% nella parte settentrionale dell'Australia. Almeno 30 indigeni sono morti durante la detenzione negli ultimi 474 anni.

Notando che ciò riflette il grave problema dei diritti umani in Australia, il Ministero degli Affari Esteri cinese SözcüSU Zhao Lijian ha osservato che l'Australia, che si è imposta un precedente nella protezione dei diritti umani, dovrebbe effettuare ricerche approfondite sui suoi rapporti e risolvere i propri problemi.

Annunci simili

Sii il primo a commentare

Yorumlar