Annunciata la decisione sui tassi di interesse della TC Central Bank: ecco la decisione sugli interessi data per novembre

La banca centrale abbassa il tasso di interesse alla percentuale
Merkez Bankası

La Banca centrale (CBRT) ha tagliato il tasso di interesse di 1,5 punti percentuali al 9% nella sua riunione di oggi.

Nella dichiarazione rilasciata dalla CBRT, si afferma: “Il Monetary Policy Committee (Board) ha deciso di ridurre il tasso d'asta repo a una settimana, che è il tasso ufficiale, dal 10,5% al ​​9%.

L'effetto di indebolimento dei rischi geopolitici sull'attività economica mondiale continua ad aumentare. Le previsioni di crescita globale per il prossimo periodo continuano ad essere aggiornate al ribasso e si stanno diffondendo le valutazioni che la recessione sia un inevitabile fattore di rischio. Sebbene gli effetti negativi dei vincoli di offerta in alcuni settori, soprattutto nell'alimentazione di base, siano stati ridotti grazie agli strumenti di soluzione strategica sviluppati dalla Turchia, la tendenza al rialzo dei prezzi alla produzione e al consumo continua su scala internazionale. Gli effetti dell'elevata inflazione globale sulle aspettative di inflazione e sui mercati finanziari internazionali sono attentamente monitorati. D'altro canto, le banche centrali dei paesi sviluppati sottolineano che l'aumento dell'inflazione potrebbe richiedere più tempo del previsto a causa degli alti prezzi dell'energia, del disallineamento domanda-offerta e della rigidità dei mercati del lavoro. A seconda delle prospettive economiche che differiscono da un paese all'altro, la divergenza nelle misure di politica monetaria e nelle comunicazioni delle banche centrali dei paesi sviluppati continua ad aumentare. Si osserva che continuano gli sforzi per trovare soluzioni con nuove pratiche e strumenti di supporto sviluppati dalle banche centrali per le crescenti incertezze nei mercati finanziari.

La forte crescita si è verificata nella prima metà del 2022. Gli indicatori anticipatori della seconda metà dell'anno, invece, segnalano che il rallentamento della crescita continua a causa dell'indebolimento della domanda estera. Tuttavia, gli effetti limitati delle pressioni derivanti dalla domanda esterna sull'industria manifatturiera sulla domanda interna e sulla capacità di offerta stanno diventando per ora più evidenti. I guadagni occupazionali sono più positivi rispetto alle economie comparabili. Considerando i settori che contribuiscono all'aumento dell'occupazione, si vede che le dinamiche di crescita sono sostenute da guadagni strutturali. Mentre è aumentata la quota delle componenti sostenibili nella composizione della crescita, continua il forte contributo del turismo al saldo delle partite correnti, superiore alle attese. Inoltre, l'andamento elevato dei prezzi dell'energia e la possibilità di una recessione nei principali mercati di esportazione mantengono vivi i rischi sulla bilancia delle partite correnti. È importante per la stabilità dei prezzi che il saldo delle partite correnti diventi permanente a livelli sostenibili. Il tasso di crescita degli impieghi e l'incontro delle risorse finanziarie raggiunte con l'attività economica secondo le sue finalità sono attentamente monitorati. Inoltre, viene attentamente monitorato l'equilibrio raggiunto dal divario tra tassi di interesse di policy e prestiti, che si è aperto in modo significativo di recente, con il contributo delle annunciate misure macroprudenziali. Il Consiglio continuerà risolutamente a utilizzare i propri strumenti per sostenere l'efficacia del meccanismo di trasmissione monetaria e attuerà ulteriori misure. Le politiche da attuare saranno annunciate in modo completo nella politica monetaria e dei tassi di cambio per il 2023, che sarà annunciata a dicembre.

Nell'aumento osservato nell'inflazione; Gli effetti ritardati e indiretti degli aumenti del costo dell'energia causati dagli sviluppi geopolitici, gli effetti delle formazioni dei prezzi lontane dai fondamentali economici e i forti shock negativi dell'offerta causati dagli aumenti dei prezzi globali di energia, alimentari e materie prime agricole continuano ad essere influenti. Il Consiglio prevede che il processo disinflazionistico inizi con il ristabilimento del clima di pace globale, unitamente alle misure intraprese e attuate con determinazione per rafforzare la stabilità sostenibile dei prezzi e la stabilità finanziaria. Gli effetti del calo della domanda estera sulle condizioni della domanda aggregata e sulla produzione sono attentamente monitorati. In un periodo in cui aumentano le incertezze sulla crescita mondiale ei rischi geopolitici, è fondamentale che le condizioni finanziarie siano favorevoli in termini di mantenimento dell'accelerazione della produzione industriale e del trend crescente dell'occupazione e della sostenibilità dei guadagni strutturali di offerta e capacità di investimento. In questo contesto, il Comitato ha deciso di ridurre il tasso ufficiale di 150 punti base. Il Consiglio ha valutato che l'attuale tasso di riferimento è a un livello sufficiente considerando i crescenti rischi relativi alla domanda globale e ha deciso di porre fine al ciclo di taglio dei tassi di interesse iniziato ad agosto. Al fine di istituzionalizzare la stabilità dei prezzi in modo sostenibile, la CBRT continua a rivedere un quadro politico globale che incoraggia la lirelizzazione permanente e rafforzata in tutti gli strumenti politici. Le fasi di politica del credito, delle garanzie e della liquidità, i cui processi di valutazione sono stati completati, continueranno ad essere utilizzate per rafforzare l'efficacia del meccanismo di trasmissione della politica monetaria.

In linea con l'obiettivo principale della stabilità dei prezzi, la CBRT continuerà con decisione a utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione nell'ambito della strategia di liraization, fino a quando non emergeranno forti indicatori di un calo permanente dell'inflazione e l'obiettivo di medio termine del 5 per cento viene raggiunto. La stabilità da raggiungere nel livello generale dei prezzi influenzerà positivamente la stabilità macroeconomica e la stabilità finanziaria attraverso la diminuzione dei premi per il rischio paese, il proseguimento dell'inversione di sostituzione valutaria e la tendenza al rialzo delle riserve valutarie e il calo permanente dei costi di finanziamento. Si creerà così un terreno idoneo per la continuazione della crescita degli investimenti, della produzione e dell'occupazione in modo sano e sostenibile.

Il consiglio continuerà a prendere le sue decisioni in un quadro trasparente, prevedibile e orientato ai dati. Il riepilogo della riunione del Comitato di politica monetaria sarà pubblicato entro cinque giorni lavorativi.

Annunci simili

Sii il primo a commentare

Yorumlar